Forum Rules Regole della sezione

  1. Il titolo delle discussioni deve essere presentato in questo modo: [N° albo iniziale/N° albo finale] Titolo
  2. Solo storie dal numero 401 al 500
  3. Controllare che non ci sia già la discussione degli albi interessati

Nota: Le discussioni compaiono in ordine decrescente in base ai numeri degli albi

Rammentiamo d'utilizzare lo spoiler per punti che svelerebbero parti della storia! il codice è: [spoiler]testo[/spoiler]

  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 
voto alla storia
10 - 6 [ 0 ]  [0.00%]
9 - 5.5 [ 0 ]  [0.00%]
8 - 5 [ 1 ]  [6.67%]
7 - 4.5 [ 8 ]  [53.33%]
6 - 4 [ 6 ]  [40.00%]
5 - 3.5 [ 0 ]  [0.00%]
4 - 3 [ 0 ]  [0.00%]
3 - 2.5 [ 0 ]  [0.00%]
2 - 2 [ 0 ]  [0.00%]
1 - 1.5 [ 0 ]  [0.00%]
Voti Totali: 15
I visitatori non possono votare 

Colonnello_Jim_Brandon
Inviato il Lunedì, 24-Mar-2008, 23:02
Quote Post


Unregistered









Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


La collina della morte; Testimoni d'accusa

Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: Víctor De La Fuente
Copertina: Claudio Villa

Washington D.C. Ely Parker, responsabile dell'ufficio per gli affari indiani, a deciso di dare il via ad una commissione d'inchiesta atta a demolire lo strapotere di agenti indiani corrotti e sordidi mercanti senza scrupoli. Per procurarsi dei testimoni attendibili, Ely Parker contatta i suoi amici Tex Willer e Kit Carson e chiede loro di reclutare alcuni capi indiani disposti a viaggiare verso la grande città bianca per denunciare le brutture commesse dagli agenti indiani. Purtroppo però il braccio destro di Perker, un bieco ometto di nome George Duglas, è il principale informatore di un grosso mercante, di nome Latimer e dell'agente indiano degli apache Berkamp, e li informa sia dell'imminente inchiesta governativa, sia dell'urgenza di bloccare il capo apache Joselito, che sarà uno dei principali testimoni assieme a Tex Willer, e i due rangers. Latimer e Berkamp non perdono tempo e compiono un agguato proprio mentre Tex e Carson stanno scortando Joselito dal suo villaggio alla riserva Navajo, dove li attendono altri capi indiani pronti a testimoniare. I nostri rangers e Joselito riescono però a salvarsi, anche grazie al provvidenziale intervento degli apache di Joselito; i manigoldi vengono schiacciati, Berkamp viene ferito e catturato ma purtroppo Latimer riesce a sfuggire. I nostri rangers, intenzionati a scoprire chi sia la talpa che ha informato Latimer e Berkamp dell'inchiesta contro di loro, che fino a quel momento era secretata, consegnano il ferito Berkamp ad una colonna di soldati e chiedono loro di scortarlo al forte e farlo curare in infermeria, promettendo inoltre che scortato Joselito al loro villaggio, sarebbero tornati per interrogarlo. Purtroppo però Latimer viene a scoprire la cosa e incarica un suo informatore al forte di uccidere Berkamp. Ciò fa si che quando i nostri ranger giungono al forte trovino solo il cadavere di Berkamp. Comincia così una lunga indagine che porterà Tex, Carson e i capi indiani a Washington D.C. la città dove si consumerà il tragico finale di questa vicenda!!!


Una storia a mio modo di vedere discreta. Nizzi ha ideato un buon soggetto, l'inchiesta contro gli agenti indiani corrotti, ma a mio avviso la sviluppata troppo in fretta perdondosi così diversi possibili spunti narrativi che avrebbero reso la storia sicuramente più avvincente. Inoltre, questa storia "un po' insipida" è "peggiorata" da un disegnatore che proprio non riesco a farmi piacere, Victor De La Fuente!!!
Tex e Carson, sebbene riescano a compiere agilmente i loro soliti numeri e a giocarsi discretamente bene le carte a loro disposizione, non brillano di luce propria in questa storia "politica". Anche i cattivi, Berkamp, Latimer e Duglas sanno un po' troppo di Deja Vu' e non riescono a colpire in modo particolare la memoria del lettore, cosa che invece hanno saputo fare egregiamente altri cattivoni Nizziani....Anche i capi apache, come Joselito o vecchio orso non risultano abbastanza incisivi forse anche perchè utilizzati molto poco....

Voto : 6
Top

 
RayClemmons
Inviato il Lunedì, 18-Ago-2008, 03:13
Quote Post


Cavaliere Solitario
****

Gruppo: Ranchero
Messaggi: 986
Utente Nr: 302
Iscritto il: 14-Ago-2008



Personalmente amo molto le storie che riguardano i rapporti fra Washington e gli indiani.. peccato che non ce ne siano molte.. almeno io ricordo questa come la migliore, oltre ad ATTENTATO A WASHINGTON (anch'essa molto bella), e IL COMPLOTTO, che devo ancora leggere (magari ce ne sono altre?). Anche De La Fuente non mi dispiace.


--------------------
... QUESTO E ALTRO, PER UN AMICO ...
PMEmail PosterMSN
Top

 
antoine
Inviato il Martedì, 20-Gen-2009, 20:58
Quote Post


Sbarbatello
*

Gruppo: Allevatore
Messaggi: 59
Utente Nr: 442
Iscritto il: 07-Gen-2009



Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
anche a me il complotto e' una storia che mi e' piaciuta ma questa in oggetto non le regge molto in confronto forse perche' la vicenda ha del deja vu forse perche' non sono abituato allo stile di de la fuente e non ho dato che una superficiale visione a tutta la storia ma a parte questo forse e' una storia da dimenticare
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top

 
Mister P
Inviato il Mercoledì, 18-Mar-2009, 13:20
Quote Post


Cavaliere Solitario
****

Gruppo: Ranchero
Messaggi: 1319
Utente Nr: 2
Iscritto il: 20-Set-2006



Storia pessima, in cui ormai Nizzi comincia a scantonare alla grande. Però qua e là dei momenti passabili riesce ad averli ancora. L'impiegatino insospettabile, che all'epoca poteva apparire un colpo di scena, è invece una spia d'allarme che indica la via che prenderanno le future storie di Nizzi. De la Fuente dignitoso.

TESTI: 5-
DISEGNI: 7+
PMEmail Poster
Top

 
Anthony Steffen
Inviato il Lunedì, 31-Ago-2009, 19:20
Quote Post


"Bounty Killer"
*****

Gruppo: Collaboratori
Messaggi: 3238
Utente Nr: 6
Iscritto il: 02-Nov-2006



Non mi sembra una storia cosi' pessima come l'ha definita Mister p qui sopra.Seppur il soggetto ricalca alcune storie precedenti mi sembra un avventura che si fa abbastanza leggere con un Tex che fa a pugni senza nessun problema.Ordinaria con qualche ottimo spunto.L'unica pecca,a mio avviso,e' l'impiego di Kit e Tiger col singhiozzo.I due infatti sono impiegati solo per poche pagine.Un cameo.Sono completamente contrario a questo utilizzo col contagocce di questi due pards,molto frequente anche nelle ultime storie di Boselli.O si fanno partecipare in modo completo o si lasciano in riserva.
Ritengo De La Fuente pochissimo adatto a Tex,e non solo per la difficolta' nel disegnarne il volto(infatti tutti i primi piani del ranger,in questa storia,sono da attribuire a Monti)ma per il suo stile che non apprezzo assolutamente.

Storia:6,5
Disegni:3
PMEmail Poster
Top

 
Pedro Galindez
Inviato il Venerdì, 26-Mar-2010, 22:55
Quote Post


Cacciatore di Taglie
*****

Gruppo: Rangers
Messaggi: 2896
Utente Nr: 246
Iscritto il: 25-Mag-2008



Nemmeno a me "La collina della morte" pare una storia così pessima, anche se, rispetto a tante altre trame incentrate su intrighi politico - affaristici ai danni degli Indiani ( come "Attentato a Washington" o il Texone "Fiamme sull'Arizona", con cui condivide il disegnatore, De La Fuente ), é difficile non considerarla meno riuscita. Non tanto, magari per lo snodarsi della trama, che è fluido e logico e non privo di momenti efficaci
(click to show/hide)
, quanto per la mancanza di freschezza di personaggi e situazioni. Innanzi tutto, come era capitato in altri casi ( per esempio, "Il testimone" ) e capiterà anche in seguito, quello che per Tex è un giallo non lo è affatto per noi visto che sin dalle prime battute sappiamo benissimo chi non vuole riformare l'amministrazione delle riserve e perché. Inoltre, come é stato puntualizzato su Ubc da V. Oliva in maniera un po' severa ma non infondata, Tex si salva dalla prima non imprevedibile situazione pericolosa che deve affontare con un "arrivano i nostri" un po' facile
(click to show/hide)
. Anche i "cattivi", come é stato detto, non sono proprio molto memorabili o temibilissimi come personaggi
(click to show/hide)
. I disegni di De La Fuente hanno il solito handicap dei volti di Carson e di Tex ( per quanto alcuni di questi ultimi siano stati ritoccati da Monti in modo da renderli più palatabili ); tuttavia, pensando a certe versioni dei due pards firmate da Font ( o da Mastrantuono e Wilson ) non mi pare sia troppo equo puntare il dito su De La Fuente come é stato spesso fatto; va poi aggiunto che i personaggi minori ( Ely Parker compreso ) sono IMHO ben rappresentati e che gli ambienti sono resi in maniera molto accurata ed elegante.
In sintesi, per me:
soggetto 6,5
sceneggiatura 7 --
disegni 7 +
PM
Top

 
la tigre nera
Inviato il Giovedì, 03-Mag-2012, 09:36
Quote Post


Cavaliere Solitario
****

Gruppo: Allevatore
Messaggi: 755
Utente Nr: 1756
Iscritto il: 13-Apr-2012



Una storia mediocre. Non entusiasma e non annoia troppo. Sale di livello nel secondo albo che si lascia leggere meglio. Mi sembra inoltre che ci siano un pò di cose da rivedere. Nel primo albo quando i nostri vengono attaccati da Berkamp e Thompson loro stessi dicono di dover lasciare allontanare gli Apache in modo che non sentano gli spari ma puntualmente vengono sentiti e tornano in aiuto. Si comprendono poi subito le intenzioni di Thompson di far fuori il compagno dopo essere scampato alla sparatoria con Tex. Il modo in cui Berkamp viene ucciso grazie alla sbornia della sentinella. Possibile che non ci siano altre sentinelle anche se notte e che il barista agisca inosservato? Bello il trucco dei Navajos nel treno per scampare all'attacco di Mcredy. Il finale ci può stare anche se forse un semplice personaggio che sta tra le scartoffie come fa a tenere in scacco Tex e Cerson anche se con Ely Parker come ostaggio? I disegni di De La Fuente non sono tra i miei preferiti.
Voto 7 la trama
Voto 6/7 ai disegni
PMEmail PosterUsers Website
Top

 
kaciaro
Inviato il Mercoledì, 15-Ago-2012, 21:55
Quote Post


Mandriano
**

Gruppo: Cowboy
Messaggi: 140
Utente Nr: 1867
Iscritto il: 13-Lug-2012



l'idea e' molto buona, ma sviluppata troppo in fretta a mio avviso, trovo molto bello ed attuale il discorso che fa' il capo indiano a tex sul caso della vita di citta'....noche le critiche al treno , tra l'altro secondo voi tex porta a testimoniare capi di tribu' molto piccole o minori non trovate??? anche i cattivi poco incisivi e poco numerosi una machinazione del genere messa in piedi solo da 3 tipetti??'e' poco credibile dai !!per gli esperti, in quanti albi compare il diplomatico indiano amico di tex???


--------------------
"Niente rintocchi a morto ok?"
PMEmail Poster
Top

 
L'Ammiraglio
Inviato il Giovedì, 16-Ago-2012, 02:27
Quote Post


Pard
***

Gruppo: Allevatore
Messaggi: 315
Utente Nr: 314
Iscritto il: 22-Ago-2008



QUOTE (kaciaro @ Mercoledì, 15-Ago-2012, 20:55)
l'idea e' molto buona, ma sviluppata troppo in fretta a mio avviso, trovo molto bello ed attuale il discorso che fa' il capo indiano a tex sul caso della vita di citta'....noche le critiche al treno , tra l'altro secondo voi tex porta a testimoniare capi di tribu' molto piccole o minori non trovate??? anche i cattivi poco incisivi e poco numerosi una machinazione del genere messa in piedi solo da 3 tipetti??'e' poco credibile dai !!per gli esperti, in quanti albi compare il diplomatico indiano amico di tex???

Andando a memoria:

Attentato a Washington (prima apparizione)
Una pallottola per il presidente.

Me ne sfugge sicuramente un paio che non ricordo.
PMEmail Poster
Top

 
Don Fabio Esqueda
Inviato il Giovedì, 16-Ago-2012, 02:39
Quote Post


Cavaliere Solitario
****

Gruppo: Collaboratori
Messaggi: 1828
Utente Nr: 551
Iscritto il: 08-Giu-2009



QUOTE (L'Ammiraglio @ Giovedì, 16-Ago-2012, 01:27)
QUOTE (kaciaro @ Mercoledì, 15-Ago-2012, 20:55)
l'idea e' molto buona, ma sviluppata troppo in fretta a mio avviso, trovo molto bello ed attuale il discorso che fa' il capo indiano a tex sul caso della vita di citta'....noche le critiche al treno , tra l'altro secondo voi tex porta a testimoniare capi di tribu' molto piccole o minori non trovate??? anche i cattivi poco incisivi e poco numerosi una machinazione del genere messa in piedi solo da 3 tipetti??'e' poco credibile dai !!per gli esperti, in quanti albi compare il diplomatico indiano amico di tex???

Andando a memoria:

Attentato a Washington (prima apparizione)
Una pallottola per il presidente.

Me ne sfugge sicuramente un paio che non ricordo.


Dunque, la prima apparizione non è in "Attentato a Washington". Se non ho clamorosi cedimenti di memoria, la prima apparizione mi sembra sia in "Tucson!" (nn.211-213), su testi di GLB. Segue, sempre su testi del "papà" di Tex, "Il complotto" (nn.219-220).
Domani, dopo una controllata (alla mia memoria, non agli albi, che non ho qui a portata di mano), apporto eventuali aggiunte e correzioni.


--------------------
"Quando arriverò sulle alture, mi volterò e voglio poter vedere una colonna di fuoco e fumo innalzarsi da dove sino ad oggi sorgeva la grande hacienda di Don Fabio Esqueda! Adiòs!"
PMEmail PosterMSN
Top

 
John Walcott
Inviato il Martedì, 11-Set-2012, 17:01
Quote Post


Pard
***

Gruppo: Allevatore
Messaggi: 328
Utente Nr: 1844
Iscritto il: 26-Giu-2012



Storia un po' sottovalutata. La trama propone situazioni lette abbastanza volte, tuttavia rimane godibile e piacevole.
Presenta inoltre anche alcune scene "gustose" come Tex che mette in riga il galantuomo che criticava il "cattivo odore" degli indiani. Non sono neanche male le condanne del capo Joselito allo stile di vita degli uomini bianchi.
La scelta di Nizzi nell'usare capi indiani "piccoli" rispetto personaggi prestigiosi come Cochise, probabilmente sta nel fatto che sarebbe stato più impegnativo utilizzare figure storiche in processi di Washington. L'utilizzare capi indiani di fantasia rende la storia più normale e anche più credibile.
La Fuente non è decisamente il mio disegnatore preferito ma nel complesso è più che sufficiente.

VOTI:
STORIA: 8/10
DISEGNI: 6,5/10
PMEmail Poster
Top

 
Leo
Inviato il Giovedì, 01-Nov-2012, 11:08
Quote Post


Cavaliere Solitario
****

Gruppo: Collaboratori
Messaggi: 788
Utente Nr: 1725
Iscritto il: 18-Mar-2012



Soggetto sempre interessante, non supportato però da un'adeguata sceneggiatura, che anzi mi è parsa a dir poco indecorosa.

Tex e Carson subiscono un attentato, fanno fuori tutti ma tra le rocce del deserto non trovano l'organizzatore, Thompson. E che fanno? Lo lasciano andare, perché probabilmente è fuggito? Ma dove mai sarebbe potuto andare? I due pards che rinunciano ad inseguire e braccare uno scaldasedie? E' un errore semplicemente imperdonabile, ed è il motore di questa storia. Solo l'incredibile fuga di Thompson, infatti, consente alla storia di andare avanti. Ma andare avanti come? Con l'organizzazione dell'assassinio del complice di Thompson, ricoverato al forte. Guarda caso, Thompson ha un contatto al forte, e gli è sufficiente ricattarlo per convincerlo ad uccidere un uomo. E che avrà fatto mai, questo barista del forte, per dover essere costretto ad eseguire addirittura un omicidio, e nel bel mezzo del forte per giunta? Ma non è finita qui. Tex e Carson giungono al forte eindividuano con velocità a dir poco sconcertante l'assassino. E mentre lo sbatacchiano, ecco che esce fuori provvidenziale il messaggino (firmato NOME e COGNOME: Mike Thompson!) in cui gli si commissiona l'omicidio. Semplicemente ridicolo! E ridicolo è anche il modo del tutto fortuito con cui i nostri ritrovano Thompson: gli è sufficiente ascoltare non visti un dialogo tra il soprastante di Thompson e un suo fornitore che si lamenta per un mancato pagamento! Mah. Trovato finalmente questo Thompson, questi contribuisce a smascherare tutti, da Latimer a Douglas, ed ecco che la storia sembra finalmente finita. E invece NO: Tex non vuole avvertire Parker, e non se ne capisce davvero il perché, e preferisce affrontare un agguato con i Navajos nascosti nel treno! E se l'agguato fosse avvenuto nei pressi di Washington, che avrebbero fatto i Navajos? Sarebbero rimasti stipati in un carro merci fino alla capitale? Sventato l'agguato, riesce poi anche la cattura di Latimer, nel treno, nonostante i nostri non l'abbiano mai visto!!! Lo riconoscono solo dal vestito a quadretti, che evidentemente questo scaldasedie di città non si cambia mai!!!.
E la scena finale, poi, con Douglas, piedidolci minuto e rotondetto, che mette in scacco i pards e quell'omaccione di Ely Parker...

Bah: questa storia va avanti a prezzo di forti scossoni assestati dal suo creatore, davvero poco in forma in questo caso.


Quanto ai disegni: Carson è veramente brutto, ed evidentemente anche Tex non è accettabile, dato che l'autore dei visi del ranger è il solito impareggiabile Monti.

A parte i volti dei nostri, però, devo dire che io amo De La Fuente. I suoi impiantiti di legno mi sembra di poterli calpestare, i suoi ambienti li posso respirare, i suoi paesaggi sono uno spettacolo per gli occhi. Nella scena iniziale dell'agguato, la spettacolare grande vignetta raffigurante "la collina della morte" mi ha molto ricordato la stessa scena (con Tex e Carson braccati su una collina rocciosa e poi salvati dagli Apaches) di quel capolavoro che per me è Fiamme sull'Arizona (una delle storie che ho amato di più sin da quando ero piccolo, per me uno dei più grandi capolavori nizziani).

Per non parlare dei personaggi: a parte Tex e Carson, fate caso ai volti di tutti gli altri. Sono tutti incredibilmente espressivi, la loro mimica facciale è parlante ed esprime in maniera superlativa gli stati d'animo dei personaggi in ogni momento.

Non mi intendo granché di disegni,ma io credo che De La Fuente possa davvero definirsi GRANDE.
PMEmail Poster
Top

 
juanraza85
Inviato il Sabato, 02-Feb-2013, 13:55
Quote Post


Pard
***

Gruppo: Cittadino
Messaggi: 279
Utente Nr: 1967
Iscritto il: 20-Set-2012



Storia non entusiasmante e piena, come dice Leo, di passaggi a vuoto, in particolare in occasione della prima sparatoria in cui Tex e Carson non si fanno premura di cercare l'organizzatore dell'agguato. Un errore marchiano, assolutamente insolito per due ammazzasette come loro.

Da apprezzare, in compenso, la problematica di fondo della storia, ossia il confronto tra realtà e contesti, il mondo dei bianchi e quello dei nativi americani, troppo distanti tra loro per convivere in armonia. Lapidarie, in tal senso, le parole di Joselito a Tex: "Credo che gli uomini della tua razza siano molto infelici, Aquila della Notte... Il possesso é solo illusione! A che serve il possesso se l'uomo deve morire?".

Per quanto riguarda i voti, 7 alla storia e 7,5 ai disegni di De La Fuente
PMEmail Poster
Top

 
mjfox
Inviato il Venerdì, 08-Feb-2013, 19:12
Quote Post


Straniero


Gruppo: Membri
Messaggi: 7
Utente Nr: 1893
Iscritto il: 06-Ago-2012



Concordo con tutto quello che avete detto voi. Storia non certo memorabile, capi indiani insignificanti e cattivi poco incisivi.Va avanti col pilota automatico.
Sufficiente.
PMEmail Poster
Top

 
Tenente Cordoba
Inviato il Mercoledì, 03-Lug-2013, 08:29
Quote Post


Mandriano
**

Gruppo: Cittadino
Messaggi: 181
Utente Nr: 2054
Iscritto il: 20-Nov-2012



Con questa storia ho parzialmente rivalutato De la Fuente nei confronti del quale sono stato troppo ingeneroso nelle precedenti due storie della serie regolare. Resta il fatto che Carson ha l'aspetto più somigliante a quello di una capra, e che il volto di Tex è stato ritoccatto da Monti in diverse tavole, tuttavia per quel che riguarda il resto bisogna fargli tanto di cappello.


--------------------
Non sapevo che giocassi anche tu questa partita!

Non ho mai smesso di giocarla, vecchio mio!
PMEmail Poster
Top


Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 1.9367 ]   [ 24 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]