Forum Rules Regole della Sezione

  1. Il titolo delle discussioni deve essere presentato in questo modo: [almanacco anno] Titolo Storia
  2. Prima d'aprire una discussione verificare che essa non sia già presente.

Nota: Le discussioni compaiono in ordine decrescente in base ai numeri degli albi

Rammentiamo d'utilizzare lo spoiler per punti che svelerebbero parti della storia! il codice è: [spoiler]testo[/spoiler]

  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 
Voto alla storia
10 - 6 [ 2 ]  [33.33%]
9 - 5.5 [ 1 ]  [16.67%]
8 - 5 [ 1 ]  [16.67%]
7 - 4.5 [ 0 ]  [0.00%]
6 - 4 [ 1 ]  [16.67%]
5 - 3.5 [ 0 ]  [0.00%]
4 - 3 [ 0 ]  [0.00%]
3 - 2.5 [ 0 ]  [0.00%]
2 - 2 [ 0 ]  [0.00%]
1 - 1.5 [ 1 ]  [16.67%]
Voti Totali: 6
I visitatori non possono votare 

 
due
Inviato il Mercoledì, 22-Ago-2007, 14:58
Quote Post


"Cacciatore d'Autori"
****

Gruppo: Ranchero
Messaggi: 2022
Utente Nr: 20
Iscritto il: 07-Nov-2006



Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: Víctor De La Fuente
Periodicità annuale : Gennaio 1995



Accanto alle consuete rubriche d’attualità, questo secondo Almanacco del West presenta tre articoli-chiave: uno sulle donne che lasciarono il segno nell’epopea della Frontiera, uno sul regista Sam Peckinpah e uno su Mike Blueberry, il "bel tenebroso" del fumetto francese. Nella storia a fumetti, Tex e Carson devono fermare il feroce apache Saguaro, assetato di vendetta. A Yucca City, tre loschi ceffi hanno assassinato Nahiva, la donna dell’indiano, per poi unirsi a una carovana diretta in California. Il guerriero pellerossa non conosce l’identità degli omicidi e dunque elimina a uno a uno tutti i componenti del convoglio di carri. I due pards dovranno impedire il massacro, smascherare i vili uccisori, e Saguaro potrà avere la sua vendetta!
PMEmail Poster
Top

 
l'indio
Inviato il Lunedì, 13-Lug-2009, 20:22
Quote Post


Sbarbatello
*

Gruppo: Membri
Messaggi: 40
Utente Nr: 580
Iscritto il: 11-Lug-2009



Grandissima storia, me la ricordo. Una riflessione profonda sul tema della giustizia, sul bene e sul male... e sull'impossibilità a volte di giudicare... disegni dei De LA Fuente davvero magistrali. Ritmo incalzante. Gli eventi della storia sono dominati da un'atmosfera di paura che incombe lungo il percorso della carovana.. Voto, 10.


--------------------
Quando la musica finisce spara... se ti riesce!
PMEmail PosterUsers Website
Top

 
paco ordonez
Inviato il Martedì, 26-Gen-2010, 06:40
Quote Post


Nizziano(e Boselliano)del forum
*****

Gruppo: Collaboratori
Messaggi: 3928
Utente Nr: 608
Iscritto il: 12-Ago-2009



Tra le storie che ho letto degli almanacchi,questa è indubbiamente(se condo me)una delle più belle!...forse perfino la più bella...
Dall'inizio alla fine la lettura è quantomeno coinvolgente:io sono rimasto incollato alle pagine!

In un numero di pagine limitato,Nizzi ha davvero dimostrato di essere un Grande;la bellezza della storia risiede in tre fatti:1)il suo essere un insieme di generi diversi,ben mescolati e ammalgamati;2)il suo essere un'affresco riuscito benissimo che mostra la varia umanità delle persone facenti parte della carovana;3)un finale non solo stupendo,ma anche e sopratutto problematico.

1)Western,Thriller e Giallo:questi sono i generi che Nizzi innesta nella storia,strutturandola;il risultato è avvincente:si passa dal clima di tensione generato dagli omicidi,inspiegabili,commessi da un killer inarrestabile(un killer che anzi agisce quasi da serial-killer,come nella miglior tradizione del trhiller),per approdare a una classica atmosfera da Giallo:questo avviene quando le motivazioni che spingono il Killer vengono spiegate,chiarite,quando capiamo che il killer in questione non è un pazzo psicopatico,ma un uomo sano di mente spinto da un movente chiaro e preciso:ora non rimane che scoprire la vera identità dei killer-stupratori,i veri cattivi della storia.Ora tutto è ricondotto su un piano di indagine razionale,tipicamente gialla.

2)Una fotografia meravigliosa dei personaggi,che li rende concreti,tridimensionali;è un campionario di varia umanità quella che Nizzi ci presenta;un'umanità con pregi e difetti:il quacchero è indubbiamente una brava persona,ma il suo fanatismo è del tutto immotivato;il padre ubriacone straparla,esagera,è in un certo senso moralmente condannabile...eppure è un bravo padre che protegge il figlio;la moglie di Erik è stata una prostituta,una donnaccia,eppure ciò non toglie che sia una splendida moglie...

3)un finale meraviglioso...ma anche brutto...perchè Tex questa volta dubita,non è certo di sapere quale sia la cosa giusta da fare,viene a patti con la sua coscienza(cosa che è lo stesso Carson a fargli notare;e lo stesso dilemma interiore attanaglia il vecchio gufo):come ha scritto l'Indio:"Una riflessione profonda sul tema della giustizia,sul bene e sul male...e sull'impossibilità a volte di giudicare".


De la Fuente l'ho sempre cordialmente odiato;ma credo che,dopo aver letto questa storia,comincerò a rivalutarlo...perchè nei suoi personaggi infonde la vita!..i cattivi sono cattivi veri,il suo killer vendicativo è davvero assetato di sangue.
e oltre a ciò è davvero maestoso nella resa del paesaggio western!..in questa storia ci sono alcune vignette eccezionali,stupende!

In definitiva:voto 9,5 senza appelli....è una storia che caldamente consiglio a tutti coloro che non amano gli almanacchi a priori!
ps.il soggetto di "Sul sentiero della vendetta"è quasi identico a quello di questa storia.
PMEmail Poster
Top

 
virgin
Inviato il Giovedì, 13-Mag-2010, 14:33
Quote Post


Cavaliere Solitario
****

Gruppo: Collaboratori
Messaggi: 825
Utente Nr: 709
Iscritto il: 25-Nov-2009



Una storia veramente incredibile, in quanto vi convivono il bene e il male del Nizzi degli ultimi quindici anni. Le sensazioni iniziali sono pessime: Tex e Carson sono la solita coppia di beoti neanche tanto svegli che sparano in continuazione frasi banali e farraginose e che invece di seguire il percorso
pensiero ---> azione
seguono il ben più contorto passaggio
Tex pensa una cosa ---> Tex la dice ---> Carson gli chiede di rispiegargliela ---> Tex la rispiega ---> i due agisono ---> Tex spiega di nuovo ciò che hanno appena fatto.
Insomma, la storia è scritta male, svogliatamente, e si vede che Nizzi aveva già sviluppato un certo rifiuto verso il personaggio, tanto che le cose migliori si vedono quando i nostri rangers levano le tende e si lascia spazio ai personaggi della carovana, delineati con pochi tratti, ma in modo molto convincente. Insomma, molto veri e reali, soprattutto nel caso del capofamiglia quacchero e della coppia costituita da Erik e dalla ex-prostituta (in particolare quest'ultima, come acutamente fatto notare da Paco, è un personaggio di eccezionale profondità, nonostante non se ne conosca nemmeno il nome). Sembra di guardare un buon vecchio film western, quando i sentimenti dei personaggi erano affidati alle sfumature della recitazione invece che ai dialoghi... e bisogna ammettere che De La Fuente, del quale amo quasi soltanto le storie urbane, in questa storia è un maestro nel far recitare i personaggi.
Poi tornano in scena i due pards e la storia crolla di nuovo, ma il personaggio di Saguaro interviene ben presto a tenere in piedi la trama, inserendo l'interessante dibattito sulla giustizia e la vendetta che contribuisce a dare a questo episodio una sufficienza afferrata per i capelli. Il paradosso è che, se non ci fossero Tex e Carson, la storia sarebbe decisamente di ottimo livello...


--------------------
Albe e notti qui variano per pochi segni.

PMEmail Poster
Top

 
bistecca alta tre dita
Inviato il Giovedì, 28-Ott-2010, 10:02
Quote Post


Pard
***

Gruppo: Allevatore
Messaggi: 347
Utente Nr: 1079
Iscritto il: 14-Ott-2010



Io l'ho letta solo ieri, sul Cartonato 2010, in quanto non sono un "frequentatore" degli almanacchi.

E' una storia breve, ma sarebbe degna di essere stata pubblicata nella serie principale, perche' e' secondo me bellissima.

Lo spunto e' originale, un solo indiano vendicatore alla ricerca degli assassini della moglie, non il solito giovane guerriero ribelle e scalmanato.
La tensione che regna nella storia all'interno della carovana, sottoposta al tiro imprevedibile e inspiegabile del cecchino si sente tutta. Essere indifesi con le proprie famiglie davanti ad un nemico sconosciuto ed implacabile e' una situazione che non auguro a nessuno.
Bello anche il dubbio finale che arrovella Tex: giustizia o comprensione e perdono ?
Tex in questo caso fa la scelta piu' umana, domostrando ancora una volta il suo credo in una Giustizia superiore ed in un mondo di eguaglianza per tutti, senza sopraffazioni e soprusi.

I disegni secondo me sono perfetti per il tipo di storia. Rendono molto bene l'ambiente, le rocce sono disegnate in modo molto realistico, cosi' come i personaggi. Insomma, un episodio degno del miglior Tex.
Tra l'altro, avendolo letto a colori nel Cartonato, devo aggiungere che anche i colori sono ottimi.


--------------------
Gran Putifarre! Manca ancora la torta di mele!

inedite complete: TEX MENSILE - TEXONE - MAXI TEX - ALMANACCHI - COLOR TEX
ristampe complete: TEX NUOVA RISTAMPA - TEXONE STELLA ORO
PM
Top


Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.3878 ]   [ 24 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]